I Professionisti

Rispetto del valore storico architettonico.

L'Architetto

Arch. Fabio Nassuato

L'Architetto Fabio Nassuato che nel suo percorso professionale ha spesso affrontato sfide complesse, di ampio respiro, sia abitative e/o produttive, in contesti di grande valore storico, culturale e paesaggistico.

Per lui il lavoro è un percorso mentale dedicato al singolo intervento, personalizzato in ogni gesto compositivo.

Con questa modalità operativa egli affronta la progettazione di strutture edilizie destinate all’attività vitivinicola là dove l'intervento richiede una visione di insieme: il contesto ambientale diventa parte integrante del progetto. L’integrazione tra forma e paesaggio crea una fusione che deve risultare naturale ed efficace.

In un settore in cui l’edificio è molto più che un semplice contenitore, ma è esso stesso una macchina per la produzione, gli spazi e tutti gli elementi tecnologici vanno perfezionati ed ottimizzati. La funzionalità e l’efficienza diventano elementi cardine del progetto.

Il dialogo aperto e continuo con la Committenza è un aspetto imprescindibile per lui, al fine di comprenderne le specifiche esigenze, dalle più semplici alle più complesse, senza lasciare al caso nessun elemento.

"Il mondo del vino è in continua trasformazione, in evoluzione, ma le sue basi, saldamente legate alla tradizione, devono essere conosciute e valorizzate al fine di permettere lo sviluppo verso il futuro, permettendo alla Committenza di comunicare il proprio carattere e la propria identità in maniera inequivocabile e personalizzata."

Creare un’immagine vincente e poi... affrontare l’imprevisto.

L'Avvocato

Avv. Stefano Zanchetta

L’Avvocato Stefano Zanchetta rappresenta la figura professionale che entra in gioco nei momenti più delicati della vita delle Aziende Vinicole intervenendo a loro sostegno quando l’immagine commerciale e la credibilità sul mercato sono messe a rischio da accuse che, quand’anche di rilevante clamore mediatico, si possono rivelare infondate.

Da più di vent’anni egli assume la difesa delle Cantine sull’intero territorio nazionale a fronte di contestazioni e sequestri di natura penale o da illecito amministrativo. Con particolare attenzione e competenza si occupa inoltre di questioni civili ed amministrative in materia di produzione e commercializzazione dei vini.

Quale difensore delle Aziende indagate o danneggiate dall’illecito, ha partecipato ad alcune delle più note indagini in ambito vitivinicolo.

Tra le tante:
l’operazione “In Vino Veritas” (ICQRF - NAS) per contraffazione di vini ad IGP e varietali con vini generici;
l’operazione “Pinocchio” (ICQRF - GdF) per contraffazione di vino Pinot IGP con vini di provenienza sconosciuta;
l’operazione “Sauvignon Connection” (ICQRF - NAS) per utilizzo di pratiche enologiche non ammesse atte ad esaltare gli aromi dei vini.

Tra le molteplici problematiche trattate: l’annacquamento dei vini, la commercializzazione di vini a DOP o IGP non conformi ai disciplinari di produzione o non muniti di certificazione, lo zuccheraggio, la detenzione di vini e mosti non giustificata dalla documentazione aziendale, la presenza di coloranti o aromatizzanti nei vini, la presenza di residui di prodotti fitosanitari in vini dichiarati BIO, l’adozione di pratiche enologiche non consentite, l’etichettatura irregolare o ingannevole, il rilievo analitico di parametri oltre i limiti di legge, la falsificazione dei registri di cantina e dei documenti di trasporto, le vertenze risarcitorie derivanti da vizi dei tappi o da lavorazioni errate e la responsabilità amministrativa degli enti da illecito penale.

• Diritto Enologico
• Contestazioni penali
• Contestazioni amministrative
• Responsabilità amministrativa degli enti - D.Lgs. 231/01
• Contraffazione sigilli di stato
• Declassamento e riclassificazione
• Detenzione vietata di determinati prodotti
• Etichettatura
• Frodi in commercio
• Sanzioni e sequestri

Il mercato di oggi è una conversazione: con noi, da più di trent’anni, parla il vino.

Wine Designers

Marcello Francescon - Cristina Collodi

Lo Studio Francescon & Collodi nulla lascia al caso: dalla scelta del naming, la sua registrazione, la scelta del logo, dell’immagine coordinata nel packaging, le pubblicazioni adv, i video istituzionali o sul prodotto e i messaggi social devono veicolare gli stessi concetti perché la Brand Identity si mantenga intatta e riconoscibile.

L’etichetta non basta che sia eye-catching, deve essere veicolo di un messaggio che riveli le origini del vino, le sue caratteristiche organolettiche, i suoi momenti di consumo. L’etichetta deve essere in grado di dare una posizione geografica al vino e portare il consumatore ad immaginare di poter assaporare anche un territorio.

Lo storytelling deve lasciare intendere qualcosa di celato, altro di esplicito, qualcosa sul Produttore, sulla Vigna e la sua vendemmia, qualcosa che è accaduto o ha ispirato la Cantina. Tenere una bottiglia in mano vuol dire raccontare e, nel contempo, leggere una storia.

"Per noi l’immagine di una Cantina o di un vino sono l’espressione di una Passione: artistica da parte nostra, di amore per il vino da parte di chi lo produce, lo vuole divulgare e raccontare."